• CAR EL ME? CAR MILAN

    Passen i mes e passen anca i ann

    e i milanes hinn chì pien de vergogna

    che paren soffegaa dent in del ruff,

    in mezz al fumm e mur tutt spegasciaa.

       Gh'è pù de bèi maner in di contrad

       e quell che me dispias an'mò pussee

       se parla nanca pù 'me i noster vecc.

    I noster cà gh'hann pù la pòrta verta

    adess hinn pien domà de cadenazz.

       Gh'è pù in de l'aria tanta bella cera

       e stemm saraa in di cà quand ven la sera.

    I nòster giardinett ciamen i mamm,

    cerchen i gioeugh di fioeu,

    cerchen i morositt

    che se brasciaven-sù pien de speranz,

    ma gh'è domà siringh sòtt ai banchett.

       Semm minga chì a piang de nostalgia

       ma nanca per spettà on'agonia.

    Ma prima an'mò che vegna giò la nòtt

    se pò combatt per minga scomparì.

       El nòster Sant Ambroeus in di ritratt

       el gh'ha ona frusta sollevada in man,

       sperenmm che la dopera  a fa capì

       che i milanes hin bon ma nò ......

                                         .....indorment.

  • CARA LA MIA CARA MILANO

    Passano i mesi e passano anche gli anni

    e i milanesi sono qui pieni di vergogna

    che sembrano soffocare nella spazzatura

    in mezzo al fumo e muri tutti scarabocchiati.

       Non ci sono più belle maniere nelle contrade

       e quello che mi spiace ancora di più

       che non si parli più come i nostri vecchi.

    Le nostre case non hanno più la porta aperta,

    adesso sono piene solamente di catenacci.

       Non c'è più nell'aria tanta bella armonia

       e stiamo chiusi nelle case quando viene la sera.

    I nostri giardinetti chiamano le mamme

    cercano i giochi dei bambini

    cercano i fidanzatini

    che si abbracciano pieni di speranza,

    ma sotto le panchine vi sono solo siringhe.

       Non siamo qui a piangere di nostalgia

       ma neanche per aspettare un'agonia.

    Ma prima ancora che arrivi la notte

    si può combattere per non sparire.

       Il nostro Sant Ambrogio nel suo ritratto

       ha una frusta sollevata in mano,

       speriamo che la adoperi per far capire

       che i milanesi sono buoni ma non ......

                                      ....addormentati.

  • Da appunti per il corso di milanese tenuto da Mons. Carlo Calori.

    "Nella scorsa lezione avevo letto dei versi di una poesia di MARCO CANDIANI promettendovi che l'avremmo sentita per intero in questa lezione: mantengo la promessa, nella speranza che, almeno questa volta, nessuno sghignazzi sull'ultima rima mancata".