• Freguj d'amor

    Hinn passaa duu veggètt

    pass pass, pian pian,

    calmi, seren, quiètt,

    sott'brasc coj man in man.

    Quanta armonia! Quanta serenitaa!

    Pareven duu spositt innamoraa!

     

    Poggiaaa sora el baston

    per jutass a stà in pee,

    luu el cercava de bon 

    de sostegnilla lee,

    dandegh el brasc, tegnedosela arent

    senza curas del mond e de la gent.

     

    Con la gioia in del coeur de vorèss ben

    e vess insemma anmò finn'a la fin;

    guardandes in di oeucc dolz e seren,

    passand in mezz a on mond pien de Cain,

    hann lassaa indree on profumm de nostalgia

    faa de freguj d'amor e de poesia.

  • Bricciole d'amore

    Sono passati due vecchietti

    passo passo, pieno piano,

    calmi, sereni, quieti,

    sottobraccio con le mani in mano.

    Quanta armonia!  Quanta serenità!

    Sembravano due sposini innamorati!

     

    Appoggiato sopra al bastone

    per aiutarsi a stare in piedi,

    lui cercava davvero 

    di sostenere lei,

    dandole il braccio, tenendosela vicino

    senza curarsi del mondo e della gente.

     

    Con la gipoia nel cuore di volersi bene

    e essere insieme ancora fino alla fine;

    guardandosi negli occhi dolci e sereni,

    passando in mezzo ad un mondo pieno di Caini,

    si sono lasciati indietro un profumo di nostalgia

    fatto di bricciole d'amore e di poesia!

     

  • Una dolce poesia in dialetto milanese.  Mi era stata donata da un amico che ora non c'è più, ma mi ha lasciato questo ricordo, mai sopito, di "freguj d'amor e poesia".

    Prossimamente andremo a scoprire altri poeti e loro scrutti, nella cultura Milanese, che ci fanno ricordare quanto era ed è dolce questo "parlare".