• AL SCIOR AVVOCATT MARTINELLI

    Al scior avvocatt Martinelli a Abano

    Tra i tanc amis de casa Martinella,

    che s'hin vodaa al gran Sant di Padovan*

    per fà ch'el torna a cà viscor e san,

    ghe sont anch mì sò servitor brighella.

     

    E adess che grazia al Sant semm squasi a quella

    d'avell, come el vorevem, in Milan,

    troeuvem giust ognidun de tirà a man

    quaj regall* de mandagh alla cappella.

     

    Intant però che i sozzi hin in desputta

    per inventà on regall che rappresenta

    la spezia della grazia rezeputta,

     

    mì in qualità de cavalier del dent*

    ghe mandi per cunt mè a posta correnta

    dò sguansc de azzal ch'hin mej che né d'argent.*

     

  • AL SIGNOR AVVOCATO MARTINELLI

    Al signor avvocato Martinelli ad Abano

    Tra i tanti amici di casa Martinelli,

    che si sono votati al gran santo dei Padovani

    per fare che torni a casa vispo e sano,

    ci sono anch'io suo servitore brighella.

     

    E adesso che grazie al Santo siamo quasi a quel (punto)

    d'averla, come la volevamo, in Milano,

    troviamo giusto ognuno di tirare fuori

    qualche regalo da mandarci alla cappella (del Santo).

     

    Intanto però che i soci sono in disputa

    per inventare un regalo che rappresenti

    la specie della grazia ricevuta,

     

    io in qualità di cavalier del dente

    le mando per conto mio a posta corrente

    due ganasce d'acciaio che sono meglio che non d'argento.

  • Da Carlo Porta "LE POESIE" Feltrinelli Editore

    Secondo il Salvioni questo sonetto sarebbe stato scritto per un onomastico dell'avvocato Giuseppe Antonio Martinelli, morto nel marzo 1817.  Poiché tale onomastico cadeva il 13 giugno, il sonetto non potrebbe essere posteriore al giugno 1816; ma il Barbiera, che per primo pubblicò il sonetto, e l'Isella lo ritengono composto in altra occasione e cioè per il soggiorno del Martinelli ad Abano, per un ciclo di cure. La composizione dell'Isella viene fatta risalire, e per la grafia e per certa arcaicità, probabilmente agli anni 1810-11.

    Alcuni chiarimenti del testo(*)

    ...Sant di Padovan... Sant'Antonio, e il Martinelli si chiamava appunto Antonio.     ...regall...  come ex voto.    ...cavalier del dent...   vale per "sbafatore, scroccone".    ...d'argent... infatti in argento sono per lo più gli ex voto, ma per fare onore ai banchetti, che presto ci saranno per festggiare l'amico, è meglio che le ganasce siano d'acciaio.