• SE FUSS OMM

    SE FUSS OMM

    Se fuss omm de quell talent

    de fa vers all'improvvisa

    el sarav quest el moment

    de dagh dent proppi de frisa

     

    Chè i finezz che la me usa

    hin per mì on'obbligazion

    de ubbedilla senza scusa

    in tutt quell che fudess bon.

     

    Mì sont chì come la voeur

    cont i brasc coj man coj pee

    cont i spall coj dent col coeur

    con tutt quell che la voeur lee.

     

    Ma intuitù de robb de coo

    se la poss minga ubbedì

    l'è per via che no ghe n'hoo

    nanch per l'uso mè de mì.

     

    Donca lee, da brava donna

    come l'è, che l'aggradissa

    l'intenzion che ghe l'hoo bonna,

    e del rest che la supplissa

    a ornà lee cont el sò coo *

    quell'eviva che ghe foo.

  • SE FOSSI UOMO

    SE FOSSI UOMO

    Se fossi uomo di quel talento

    da fare versi all'improvviso

    sarebbe questo il momento

    di darci dentro proprio di lena.

     

    Ché le finezze che mi usa

    sono per me un'obbligazione

    di ubbidirla senza scusa

    in tutto quello che fossi capace.

     

    Io sono qui come lei vuole

    con le braccia colle mani coi piedi

    con le spalle coi denti col cuore

    con tutto quello che vuole lei.

     

    Ma in quanto a cose di testa

    se (non) la posso mica obbedire

    è per via che non ce ne ho

    neanche per l'uso mio di me.

     

    Dunque lei, da brava donna

    come è, che gradisca

    l'intenzione che ce l'ho buona,

    e del resto che supplisca

    a ornare lei con la sua testa

    quell'evviva che le faccio

  • Queste quartine furono stampate per la prima volta dal Barbiera come redazione anteriore alla poesia per il brindisi alla Signora Lenina Milesi (Pubblicate nel Maggio 2018 sul Notiziario GATaL), e che nella successiva redazione non solo si arricchisce di alltri versi ma anche acquista in vivacità espressiva.

    Alcuni chiarimenti del testo  (*)

    ...cont el so coo...  cioè: col suo ingegno, il suo spirito.