• ARIA BUFFA

    ARIA BUFFA

    Omm:   Cara lee, s'hoo de dighela s'cetta,

                 se la ved che ghe parli de sbergna

                 l'è per via de quella soa vergna:

                 i sò loffi fan minga per mì.

     

                 Traditora, birbona, sabetta,

                 già l'hoo vista a fà i cart col Battista,

                 l'è fenida, la scassi de lista;

                 la saludi, bon ann e bon dì.

     

    Donna: Caro lu, se l'è matt ch'el ghe staga.

                 Cossa serva ch'el smania e ch'el sbraggia?

                 Anca mì già sont stuffa e sont saggia

                 d'on sofistegh gelos come lu.

     

                 Cosse fal? Ch'el se moeuva, ch'el vaga,

                 i lizon sù per l'uss no me piasen.

                 L'è on lifrocch, l'è on socchetta, l'è on asen;

                 aal capii? Nol vuj pù, nol vuj pù.

  • ARIA BUFFA

    ARIA BUFFA

    Uomo:  Cara lei, se ho da dirgliela schietta,

                se vede che le parlo con disprezzo

                è per via di quella sua civetteria:

                le sue smorfie (non) fanno mica per me.

     

                Traditora, birbona, pettegola,

                già l'ho vista fare le carte col Battista,

                è finita, la cancello dalla lista;

                la saluto, buon anno e buon giorno.

     

    Donna:  Caro lei, se è matto che ci stia.

                Cosa serve che smani e che sbraiti?

                Anche io sono stufa e sono sazia

                di un sofistico geloso come lei.

     

                Cosa fa? Che si muova, che vada,

                i bighelloni sull'uscio non mi piacciono.

                È un fannullone, è un donnaiolo, è un asino;

                ha capito? Non la voglio più, non la voglio più.

  • Anche queste quartine non possono essere attribuite con certezza al Porta essendo comprese in un manoscritto con molte altre poesie apocrife. L'Isella, pur senza accettare l'opinione del Salvioni, che sostiene che questi e altri simili versi non sarebbero stati scritti o conservati dal Porta dopo il suo matrimonio avvenuto nel 1806, nota semmai che le quartine ricalcano, in modo pedestre, il modello offerto dal Balestrieri in una composizione di analoga intonazione.

     

    Alcuni chiarimenti del testo:

    ...fà i cart... vale per "fare all'amore"  ...lifrocch... scioperato, bietolone   ...socchetta...  diminutivo di socca: gonna qui in senso figurato "chi corre dietro alle gonne".