• DON GIULI

    Al sur don Giuli Ferrari su a Castelmart

     

    El vin l'è quell'oggett in d'ona cà,

    appena miss a mann,

    che, reverissi, el va

    e in conseguenza ghe ne resta pù;

    per quest ch'el compatissa

    se prima ch'el finissa

    on gott tant per saggiall gh'en mandi su;

    el qual l'è propri malappenna on gott,

    oltra ch'el dev varì pocch o nagott,

    ma el gh'ha cinqu ann, d'on mè loeugh de Suell,

    e lu istess asca quell

    el trovarà, qualora el le gradissa,

    che l'è vin che se bev a pocù el se pissa.

  • DON GIULI

    Al signor don Giulio Ferrario su a Castelmarte

     

    Il vino è quell'ìoggetto in una casa,

    che, appena cominciato,

    riverisco, va

    e in conseguienza (non) ne resta più;

    per questo che compatisca

    se prima che finisca

    un goccio, tanto per assaggiarlo, gliene mando su;

    il quale è proprio (a) mala pena un goccio,

    oltre che deve valere poco o niente,

    ma ha cinque anni, (è) d'un mio luogo di Suello,

    e lei stesso oltre (a) quello

    lo troverà, qualora lo gradisca,

    che è vino che si beve e poi si piscia.

  • Altro componimento di cui manca l'autografo, stampato per la prima volta sul periodico L'Istruzione Pubblica nel 1866. La sua attribuzione al Porta non è sicurissima; infatti, se esistono notizie certe sulla buona amicizia intercorsa tra il poeta e don Giulio Ferrario, non ne esistono invece su un possedimento portiano a Suello, luogo dove non il Porta ma un altro amico suo; Giuseppe Mauri aveva alcuni terreni. L'Isella ne fa risalire la composizione ad una data piuttosto alta, cioè agli anni 1800 - 1805.

    Alcuni chiarimenti del testo:

    ...appena miss... appena messo a mano  ... gh'en mandi su... a Castelmarte, paese su  un colle della Brianza  ...Suell... tra Lecco ed Erba  ...se bev e poeu el se pissa... è indice di genuinità.