• INFERNO CANTO II

    Traduzione dall'Inferno di Dante - Canto II

     

    Vegneva innanz la nocc de maneman

    che el dì el ghe renunziava el sò possess.

    Tucc dormiven: né gh'eva in tutt Milan

    fors gnanch cent lengu de donn che se movess:

    domà mì serva in pee tra tanc sognan

    su ona strada mal conscia e che fa s'cess,

    pareggiaa a tucc quij guaj che sentirii

    fedelment reportaa in cant trentatrii.

     

    Musa, che in grazia tova da fioeu

    hoo tolt su dal majester de gramatega

    on brovett de sardell e de pignoeu,

    no me fà com'el solet la lunatega,

    chè el dì da compensamm l'è quell d'incoeu.

    Cuntem tì i pee di vers che te see pratega;

    e tì marmoria fa el tò spicch anch tì,

    che cont di oeuv fresch te aiutaroo anca mì.

  • INFERNO CANTO II

    Traduzione dall'Inferno di Dante - Canto II

     

    Veniva innanzi la notte a mano a mano

    che il giorno le rinunciava il suo possesso.

    Tutti dormivano: né c'era in tutta Milano

    forse neanche cento lingue di donne che si muovessero:

    soltanto io ero in piedi fra tanti addormentati

    su una strada mal concia e che fa pietà,

    apparecchiato a tutti quei guai che sentirete

    fedelmente riportati in canti trentatre.

     

    Musa, che in grazia tua da ragazzo

    ho preso su dal maestro di grammatica

    un subisso di sardelle e di pinoli,

    non mi fare come al solito la lunatica,

    ché il giorno da ricompensarmi è quello di oggi.

    Còntami tu i piedi dei versi che sei pratica;

    e tu, memoria, fa la tua bella figura anche tu,

    che con delle uova fresche ti aiuterò anch'io.

  • A differenza del primo canto, la cui traduzione fu portata a termine, gli altri tentativi di traduzione della Divina Commedia, pur appartenendo anch'essi agli anni 1804-7, non giunsero mai alla fine; di questa incompiutezza restano segni in vari aspetti del testo, per esempio nella grafia, disseminata di arcaismi, che differisce notevolmente da quella, ammodernata e corretta, del canto primo. Questo secondo canto è la traduzione dei primi 58 versi del testo dantesco. La penultima ottava risulta la più tormentata e passa attraverso ben undici varianti, come si desume dall'apparato critico dell'Isella.

    17:21:46

    filate sul palmo delle mani.  ...pignoeu... cioè: colpi sulla punta delle dita della mano, riunite a pigna. ...spicch...  spicco.  ...oeuv fresch... ritenute ricostituenti anche della memoria.